Carta di debito Pagobancomat

La carta di debito Pagobancomat: perchè sceglierla

Pagobancomat: informazioni sul loro utilizzo e sui servizi associati della la carta di debito che consente il prelievo presso gli sportelli automatici

Pagobancomat è il circuito di pagamento a cui fanno riferimento gli strumenti elettronici per le transazioni on line: è il cosiddetto circuito domestico nazionale.

Collegato alla rete interbancaria Bancomat, consente il prelievo in contanti sul suolo italiano presso i vari sportelli automatici dislocati sul territorio; le carte Pagobancomat, se associate ai circuiti Cirrus Meestro, Visa Electron, Visa Plus o V-Pay sono adatte per le operazioni di prelievo contante anche all’estero.

Come detto più volte all’interno del sito le carte di debito sono quei badge nominativi che collegati direttamente a uno specifico conto corrente di proprietà dell’intestatario della carta stesa consentono di fare acquisti o transazioni tramite POS o sportelli ATM.

Pagobancomat in particolare è, tra le altre cose, quell’insieme di tecnologie, convenzioni e soluzioni economiche, che rendono operative tali possibilità.

Se per le carte di credito ci sono i circuiti AmericanExpress, Visa, Diners, Mastercard, JCB, China Union Pay – a saldo, revolving, gold o prepagate che siano – e a livello internazionale agiscono gli standard V-Pay di Visa e Cirrus Maestro di Mastercard.

In Italia il circuito dei pagamenti è quindi gestito da Pagobancomat, che collegato a tutti i principali istituti creditizi, enti bancari e società finanziarie, garantisce affidabilità e accettazione pressoché totale delle carte di debito emesse sul territorio nazionale, anche se si tratta di competitor internazionali.

Il collegamento e speciali convenzioni con banche e circuiti internazionali permettono di accedere, tramite queste carte, a diversi servizi anche se ci si trova all’estero, rendendo così piacevole, discreto e non impossibile effettuare pagamenti e transazioni anche quando non si è a casa propria, tramite il comfort di POS o di uno sportello automatico bancario.

Le carte Pagobancomat risultano spesso associate ai circuiti Cirrus Maestro, Visa Electron, Visa Plus o V-Pay, il che ne garantisce l’utilizzo, la flessibilità, la sicurezza e sopratutto l’affidabilità nei pagamenti effettuati in tutto il mondo.

La presenza dei colossi Visa e Mastercard, in campo internazionale, infatti, è pressoché completa.

In Italia Pagobancomat come circuito è collegato al network interbancario Bancomat.

Si tratta di quell’insieme di tecnologie e soluzioni economiche che permettono i pagamenti tramite i Point of Sale, i cosiddetti POS o gli Automatic Teller Machine.

Cosa si può fare con la carta PagoBancomat?

Con i POS è possibile fare acquisti presso supermercati, catene della grande distribuzione, effettuare pagamenti in loco del pernottamento presso un albergo, pagare un ristorante, comprare il biglietto aereo o quello ferroviario, pagare il parrucchiere e ogni altra cosa presso quegli esercizi commerciali che hanno esposto il marchio stesso di Pagobancomat.

Con gli ATM, invece, è possibile effettuare ricariche telefoniche, depositare assegni, ritirare contanti o versare assegni, richiedere il saldo o la lista movimenti delle ultime settimane e così via.

Il tutto, ovviamente, attingendo direttamente sul proprio conto corrente.

É inoltre possibile, grazie a speciali convenzioni, effettuare dalla stessa postazione i pagamenti delle utenze e di specifiche imposte: acqua, luce, gas, telefono fisso, bollo auto, e così via, il tutto semplicemente strisciando l’apposita carta.

La rete Bancomat è gestita dalla SIA, la Società Italiana per l’Automazione.

Quest’ultima di concerto con i gruppi bancari che ne utilizzano il servizio, garantisce l’affidabilità, l’efficienza e la sicurezza finanziaria e tecnologica delle transazioni e dei pagamenti.

Le carte bancomat quindi si sono adeguate agli standard mondiali in termini di sviluppo ed innovazione elettronica.

Sono sicure le carte PagoBancomat?

Le carte di credito Pagobancomat sono quindi diventate smart card, badge, cioè che hanno un microchip elettronico per la decodifica, l’immagazzinamento, l’utilizzazione e quindi autenticazione delle informazioni sensibili.

Tutto ciò, sulla falsariga della tecnologia EMV, sviluppata da Europay, Mastercard e Visa (colossi mondiali nell’ambito dei pagamenti elettronici), va ad integrare la normale e classica banda magnetica presente sul retro delle carte.

Sempre parlando di sicurezza c’è da dire che molte carte presentano anche la foto del proprietario, e obbligatoriamente la firma.

Esse possono essere utilizzate solo se si è in possesso di uno specifico codice PIN di protezione, richiesto in ogni tipo di transazione che si richiede di effettuare.