Carta di debito Cirrus Maestro

La carta di debito Cirrus Maestro: vantaggi e perché sceglierla

Cirrus Maestro è un binomio ricorrente specie se si possiede una carta di debito bancomat o una carta di credito, anche prepagata. 

Maestro è semplicemente un circuito di pagamento internazionale, operante nell’ambito delle carte di debito.

Tale gruppo gestionale fa parte del colosso internazionale MasterCard che opera nel settore finanziario e in quello creditizio in particolare.

Il marchio maestro è collegato a quello Cirrus, che a sua volta si presenta come un consorzio finanziario o anche network interbancario che relaziona più di un milione di sportelli bancomat automatici ATM operanti in quasi cento paesi in tutto il mondo.

Vediamo bene quali sono gli attori che danno vita al bancomat più famoso e probabilmente più utilizzato al mondo: la carta di debito Cirrus Maestro.

Ad emettere la carta di debito di Cirrus Maestro, più comunemente definita come bancomat, è il colosso mondiale MasterCard, leader mondiale nella gestione del credito e nell’offerta delle soluzioni dedicate.

Esso è un network di enti finanziari e istituti bancari che emettono, tra l’altro la famosissima e omonima carta di credito.

Le sue filiali sono presenti in ogni dove, e le relative carte accettate in ogni negozio, albergo, aeroporto, ristorante, museo, stazione di tutti e cinque i continenti, senza limitazioni di servizi o qualità.

Prima di capire quali siano i servizi, i vantaggi, le soluzioni e le possibilità permesse dal possesso e quindi dall’utilizzo delle carte bancomat emesse dall’issuer mondiale Cirrus Maestro, è bene innanzitutto chiarire cos’è una carta di debito e cosa la differenzia dagli altri strumenti di pagamento elettronico.

La differenzia sostanziale con le carte di credito, sia a saldo che revolving, è che esse non prevedono un credito anticipato, ma il loro utilizzo si basa sul possesso reale della somma presente sul proprio conto corrente.

È cioè lo strumento per poter usare il conto in maniera flessibile e veloce.

Dalle carte prepagate, invece, si differenzia inoltre per il non poter essere usate per vari servizi on line: come i pagamenti su internet.

Con le carte di credito però, le carte bancomat dividono la sicurezza tecnologica messa in piedi dalle smart card, che grazie al chip frontale e basato sullo standard EMV, aumenta l’affidabilità delle transazioni elettroniche tramite i POS e gli sportelli ATM, presso i quali è possibile accedere a diversi servizi.

Assieme alla tecnologia di Cirrus, Maestro ha sviluppato una serie d’interventi atti a facilitare l’utilizzo delle carte bancomat secondo le diverse esigenze e necessità, massimizzando gli effetti positivi di un loro intervento nelle transazioni economiche nell’ambito dei consumi immediati nonché a breve e medio periodo.

Con le carte di debito Cirrus Maestro, che si pongono come diretto concorrente della V-Pay di Visa, è possibile effettuare pagamenti presso gli esercizi commerciali che sono abilitati al circuito (sempre attraverso il POS), nonché ritirare denaro presso gli sportelli Automatic Teller Machine (ATM).

Sempre tramite questa tecnologia è possibile effettuare ricariche telefoniche, stampare l’estratto o il saldo del proprio conto corrente in maniera gratuita, o versare assegni.

La sicurezza, oltre che dal chip, è quindi garantita anche dal PIN o codice segreto, necessario ad effettuare ogni tipo di transazione o pagamento.

Perciò è bene custodire lo stesso con cura e non custodirlo mai insieme alla carta stessa che, in caso di furto o uso improprio, va sempre bloccata chiamando il numero verde della banca di riferimento.

La carta Cirrus Maestro all’estero: commissioni e prelievi

Le carte di debito Cirrus Maestro possono essere utilizzate anche all’estero, tramite ATM o POS, laddove questi presentino i marchi EDC/Maestro, Cirrus o Eurocheque.

Contrariamente a quanto avviene in Italia le operazioni effettuate all’estero solitamente hanno un costo che si aggira sull’euro a transazione (in Italia costa se si cambia banca) e in più l’utilizzo del bancomat è vincolato a un massimo prelevabile giornaliero (250 euro, mentre in Italia 600) e mensile (1000 euro all’estero, contro i 3000 euro in Italia).

Le commissioni sui pagamenti non si pagano in Italia contrariamente di quanto avviene all’estero, anche pagando uno specifico canone fisso di circa 15 euro all’anno.

Tra i servizi previsti, inoltre, c’è il Fastpay, per il pagamento posticipato dei pedaggi autostradali.